Le sanzioni amministrative comminate entro il 31 ottobre da Busitalia – ACV – AMV dovranno essere regolarizzate con il pagamento dell’importo dovuto entro le scadenze e con le modalità indicate sul verbale stesso. 

Si riportano di seguito le modalità per effettuare il pagamento:

BUSITALIA

  • Con bollettino postale sul conto corrente n. 1010060711
  • Con bonifico bancario su BancoPosta codice IBAN: IT10 C076 0102 8000 0101 0060 711

ACV

  • Con bollettino postale sul conto corrente n. 62946512
  • Con bonifico bancario su BancoPosta codice IBAN: IT53 Z076 0102 8000 0006 2946 512

AMV

  • Con bollettino postale sul conto corrente n. 62501408
  • Con bonifico bancario su BancoPosta codice IBAN: IT59 E076 0102 8000 0006 2501 408

 

In alternativa, è possibile effettuare il pagamento presso gli sportelli 8 e 9 della Stazione SMN di Firenze previa esibizione del verbale, dal lunedì al sabato, dalle 7.00 alle 19.30 (chiuso domenica e festivi).

Si invita la gentile clientela ad arrivare in tempo utile per l'evasione del rimborso e la chiusura dello sportello, prevista alle 19:30.

Si ricorda che in caso di mancato pagamento, ai sensi dell’art.10 della Legge Regionale 28/12/2000 n. 81, sarà emessa a carico del sanzionato ordinanza di pagamento per un importo complessivo fino ad un massimo di € 240,00 oltre le spese amministrative e postali.

Ricordiamo infine che entro 30 giorni dalla contestazione o dalla notifica, purché non si effettui il pagamento della sanzione, l'autore della violazione, se maggiorenne, o l'esercente la potestà genitoriale, in caso di violazione commessa dal minore, può presentare ricorso inviando documenti o chiedendo di essere ascoltato. Il ricorso deve essere fatto pervenire, esclusivamente in forma scritta a clienti.firenze@fsbusitalia.it, specificando nell’oggetto “Ricorso sanzione BUSITALIA - ACV - AMV n°XXX”.

Nel caso che il ricorso non venga accolto, è preclusa la possibilità di pagare la sanzione nella misura minima e qualora non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta nei termini previsti, sarà emessa ordinanza-ingiunzione motivata di pagamento.